Metodo Wim Hof: risvegliamo l’energia dentro di noi

Un modo per esprimere il potenziale formidabile che ci rende, ciascuno nel nostro piccolo, grandemente straordinari; un modo per far uscire le energie sopite che ciascuno di noi ha, anche se spesso si convince del contrario. Il “modo” è anche un “metodo” e nasce dall’idea dell’olandese Wim Hof, atleta e ora anche formatore, che punta su tre pilastri fondamentali: la respirazione consapevole, di cui quindi occorre riappropriarsi; la rieducazione dei nostri corpi alle temperature rigide per risvegliarne la forza e la resistenza; la focalizzazione e la consapevolezza mentale, spesso soffocata dai ritmi forsennati e distraenti della vita moderna.

In Italia ci sono soltanto due formatori per il Metodo Wim Hof; uno di questi è Alessandro Ronca, direttore scientifico del PeR, personalità vulcanica ed eclettica, che applica da tempo su di sé queste tecniche con grandi risultati.

E l’1 febbraio 2020 terrà  un seminario proprio sul metodo Wim Hof, aperti a un numero limitato di persone (massimo 10), per avviarle all’esperienza e alla conoscenza di questa pratica rigenerativa.

QUI per le informazioni e le iscrizioni.

Come si “costruisce” l’esperienza

«Quando per la prima volta lessi il libro sul Metodo Wim Hof, “La forza del freddo”, ne restai folgorato – spiega Alessandro Ronca – Era proprio quello di cui avevo bisogno. Iniziai a praticare con grande determinazione, esercitandomi ogni giorno e dopo poche settimane sentii un’insolita energia crescere in me. Era un’esperienza completamente nuova, autentica, che mi ha aperto gli occhi su quella che mi piace definire “la tecnologia interiore”. Fino ad allora mi ero totalmente concentrato sulla tecnologia esteriore, esterna al mio corpo e credevo fortemente che fosse quella giusta per cambiare le cose. Poi ho capito che l’energia più grande e trasformativa è quella che proviene da dentro di noi e che riusciamo a far uscire e utilizzare. È questa energia che permette di toccare vette insperate di creatività e benessere».

«Da quando pratico il metodo Wim Hof, il mio cervello e il mio corpo lavorano davvero in armonia e raddoppiano l’efficacia di qualsiasi cosa – prosegue Ronca – tanto da ispirare una svolta anche per l’approccio e le scelte del Centro di ricerca e sperimentazione che dirigo, il PeR, dove, insieme al mio team, sto portando avanti quella che ho chiamato FAIR TECH REVOLUTION».

La Fair Tech Revolution è basata sul principio secondo cui qualsiasi risultato umano, progresso o invenzioni tecnologiche sono realizzati mescolando intelligenza, capacità umane e risorse esterne. Aumentando il fattore umano, molto spesso si ottiene una sensibile riduzione del bisogno di risorse esterne, generando maggiore sostenibilità.

Esattamente l’opposto dell’attuale modernità, dove troppo spesso la tecnologia esterna è sviluppata per “congelare” le persone nella zona di comfort (o che credono tale), che contribuisce a disattivare le potenzialità  ancestrali del nostro corpo e del nostro cervello, che invece il Metodo Wim Hof consente di riattivare.

Un metodo alla portata di tutti

«E, badate bene, non si tratta di un metodo per super-uomini; è davvero alla portata di tutti – aggiunge ancora Ronca – È un cambiamento di modalità, che ha bisogno di impegno per essere realizzato ma che non richiede sforzi o capacità sovrumani. Paradossalmente, la modernità, il fatto di vivere dovunque alla costante temperatura di 20° e l’enorme distanza che separa oggi l’uomo dalla natura hanno contribuito a disattivare capacità che tutti abbiamo. E la scienza, nonché diverse università nel mondo, hanno convalidato questo metodo, che ha impatto positivo su chiunque lo pratichi».

Attraverso particolari tecniche di respirazione e focalizzazione e grazie a una graduale esposizione al freddo, si è in grado di condizionare il proprio sistema nervoso autonomo e il sistema immunitario, divenendo più energici, sereni e resilienti.

Si impara a non combattere contro gli elementi e gli eventi, ma ad accettarli. «Un’importante conquista, almeno per me, che oggi trasmetto insieme ai tanti strumenti innovativi del metodo Wim Hof» spiega Ronca, che aggiunge: «Ecco alcuni cambiamenti che ho vissuto personalmente: miglioramento della qualità del sonno, aumento della creatività e capacità di concentrazione, miglioramento delle performance fisiche sportive, aumento della capacità di recupero dopo intense attività, maggiore tolleranza agli eventi climatici estremi, potenziamento delle difese immunitarie, incremento della determinazione e della forza di volontà, ampliamento delle percezioni nell’attività sessuale».

«Non c’è nulla di miracoloso in tutto questo; si tratta di qualità già presenti in ognuno di noi che sono solo soffocate dal sistema nervoso autonomo simpatico, in cui la modernità, lo stress continuo e le pressioni lavorative ci hanno rinchiuso. Viviamo con una costante respirazione accelerata e superficiale, tachicardia, glicemia alta, pupille dilatate, eccetera. E non riusciamo più ad attivare il sistema nervoso autonomo parasimpatico, che ci porterebbe in uno stato di rigenerazione e benessere. Cosa che invece avviene applicando il metodo Wim Hof».

Modalità di iscrizione

QUI per iscriversi al seminario sul Metodo Wim Hof